Le citazioni di: Carlo Dossi

« Massimo segno della fine, è il principio. »

Carlo Dossi

« A molti non mancano che i denari per essere onesti. »

Carlo Dossi

« Che è l'onestà se non la paura della prigione. »

Carlo Dossi

« Fra gli avvilimenti di un giovane d'ingegno, massimo è quello di andare a scuola e subire esami. »

Carlo Dossi

« La legge è uguale per tutti gli straccioni. »

Carlo Dossi

« Tutti gli uomini sono corruttibili: è questione di somme. »

Carlo Dossi

« Anticamente migliaia di dei parevano pochi, oggi uno è di troppo. »

Carlo Dossi

« Il falso amico è come l'ombra che ci segue fin che dura il sole. »

Carlo Dossi

« Uomo e donna completansi vicendevolmente, come il bottone e l'occhiello, come il violino e l'archetto. »

Carlo Dossi

« Dove gli occhi van volentieri, anche il cuore va, né il piede tarda a seguirli. »

Carlo Dossi

1 di 4 »

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: reprobo


Aggettivo
reprobo m (singolare maschile: reprobo, plurale maschile: reprobi, singolare femminile: reproba, plurale femminile: reprobe)
profondamente malvagio; scellerato, perverso, tristo, cattivo nella terminologia religiosa, detto di ciò o di colui che suscita la riprovazione o l'esecrazione e la condanna divine
Sostantivo
reprobo m sing
chi, per malvagità, cattiveria ecc. si è reso responsabile di gravi colpe, crimini e delitti colui che è degno del castigo divino, generalmente contrapposto a eletto
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce REPROBO del Wikizionario