Le citazioni di: Confucio

« Un giovane, quando è a casa, dovrebbe essere rispettoso dei genitori, e, quando è all'estero dovrebbe esserlo dei più anziani. »

Confucio

« Se un uomo la mattina conosce la retta via, potrà morire la sera stessa senza alcun rimpianto. »

Confucio

« L'uomo superiore è modesto nelle parole, ed eccede nelle azioni. »

Confucio

« Chi parla senza modestia troverà difficile rendere buone le proprie parole. »

Confucio

« Il vero signore è simile a un arciere: se manca il bersaglio, ne cerca la causa in se stesso. »

Confucio

« Belle parole e una vistosa apparenza raramente sono associate alla vera virtù. »

Confucio

« Per natura gli uomini sono vicini, l'educazione li allontana. »

Confucio

« Non ho mai conosciuto un uomo che vedendo i propri errori sapesse dar la colpa a se stesso. »

Confucio

« Le prospettive della vita dipendono dalla diligenza; l'artigiano che vuole perfezionare la sua opera deve prima affilare i suoi utensili. »

Confucio

« Non è grave se gli uomini non ti conoscono, è grave se tu non li conosci. »

Confucio

1 di 5 »

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: reprobo


Aggettivo
reprobo m (singolare maschile: reprobo, plurale maschile: reprobi, singolare femminile: reproba, plurale femminile: reprobe)
profondamente malvagio; scellerato, perverso, tristo, cattivo nella terminologia religiosa, detto di ciò o di colui che suscita la riprovazione o l'esecrazione e la condanna divine
Sostantivo
reprobo m sing
chi, per malvagità, cattiveria ecc. si è reso responsabile di gravi colpe, crimini e delitti colui che è degno del castigo divino, generalmente contrapposto a eletto
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce REPROBO del Wikizionario