Le citazioni di: Riccardo Bacchelli

« E quanto a esperienza è quel che ci rimane dopo che s'è perso tutto il resto. »

Riccardo Bacchelli

« L'agricoltura è l'arte di saper aspettare. »

Riccardo Bacchelli

« Mostrami il tuo cane e ti dirò chi sei. »

Riccardo Bacchelli

« Avete mai sentito di quello che sotto la forca domandò: "Il nodo scorre?" »

Riccardo Bacchelli

« Anche la miseria è un'eredità. »

Riccardo Bacchelli

« Averle perse tutte, le speranze, gli dette la stessa pace che averle tutte intatte. »

Riccardo Bacchelli

« Voglio dirvi la differenza fra il lupo e l'uomo: nessuna, salvo una, in vecchiaia... il lupo va nei boschi ad aspettare la fine da solo: l'uomo, più la sente venire, più cerca compagnia, anche se le è noioso e gli è noiosa. »

Riccardo Bacchelli

« La scienza è esperienza concentrata. »

Riccardo Bacchelli

« La verità è come il cauterio del chirurgo: brucia, ma risana. »

Riccardo Bacchelli

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: atavico


Aggettivo
atavico m sing (singolare maschile: atavico, plurale maschile: atavici, singolare femminile: atavica, plurale femminile: ataviche)
di ciò che è originario degli antenati, specialmente molto lontani nel tempo, e che discende come eredità da essi (per estensione) antico, remoto, primigenio (biologia) in genetica, di carattere riscontrabile negli organismi viventi così come nei loro antenati antichi che appare invece regredito o del tutto scomparso in quelli meno remoti (atavismo); più specificamente, di carattere ereditario che riappare in un individuo dopo essere stato assente per più generazioni come effetto di una ricombinazione di geni che codificano per fenotipi recessivi
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce ATAVICO del Wikizionario