Le citazioni sul tema: Applauso

« Applauso. L'eco di una platea. »

Ambrose Gwinnett Bierce

« Non dobbiamo sempre giudicare della generalità di un'opinione dal rumore dell'acclamazione. »

Edmund Burke

« L'applauso è lo sprone delle menti forti, il fine e lo scopo di quelle deboli. »

Charles Caleb Colton

« Il silenzio che accetta il merito come la cosa più naturale del mondo è la forma più alta d'applauso. »

Ralph Waldo Emerson

« Il ricevere applausi per opere che non richiedono tutte le nostre facoltà ostacola il nostro progresso verso il perfezionamento dello spirito: di solito significa che, d'allora in poi, staremo fermi. »

Georg C. Lichtenberg

« L'applauso è una ricevuta, non una cambiale. »

Artur Schnabel

« Non applaudite troppo forte, è un vecchio palazzo. »

John Osborne

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: atavico


Aggettivo
atavico m sing (singolare maschile: atavico, plurale maschile: atavici, singolare femminile: atavica, plurale femminile: ataviche)
di ciò che è originario degli antenati, specialmente molto lontani nel tempo, e che discende come eredità da essi (per estensione) antico, remoto, primigenio (biologia) in genetica, di carattere riscontrabile negli organismi viventi così come nei loro antenati antichi che appare invece regredito o del tutto scomparso in quelli meno remoti (atavismo); più specificamente, di carattere ereditario che riappare in un individuo dopo essere stato assente per più generazioni come effetto di una ricombinazione di geni che codificano per fenotipi recessivi
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce ATAVICO del Wikizionario