Le citazioni sul tema: Cantare

« Non sono in grado di cantare. Come cantante non ho successo. Sono molto infelice quando canto. Allo stesso modo lo sono quelli che mi ascoltano. Sono infelici anche per quello che sono. »

Charles Farrar Browne

« Le canzoni senza parole sono le migliori. »

George Louis Palmella Busson du Maurier

« La luce la stava ad ascoltare quando ella cantava. »

Theodore Roethke

« Ogni uccello ama il proprio canto. »

Proverbio

« Il canto per me ha sempre rappresentato il mezzo migliore di espressione artistica, perché è così spontaneo. E dopo aver cantato, penso al violino. Finché non potrò cantare, dipingerò. »

Georgia O'Keeffe

« I cigni cantano prima di morire; non sarebbe un brutto affare se certa gente morisse prima di cantare. »

Samuel Taylor Coleridge

« Chissà perché quando mi rado nel bagno, se provo a canticchiare un motivetto odierno, mi taglio. »

Gesualdo Bufalino

« I giovani cantanti mi chiedono: "Devo vivere a New York?" e io rispondo "Non importa dove vivi, purché la gente pensi che tu vivi a New York." »

Benita Valente

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: espungere


Verbo
Transitivo espungere
(filologia) ripulire, sfrondare, emendare un testo da ciò che l'analisi critico-comparativa porta a ritenergli estraneo, come interpolazioni, errori di trascrizione, contaminazioni e simili, con la soppressione di quelle lettere, parole, frasi, ecc. che lo stesso copista e i primi filologi di epoca umanistica solevano demarcare con un punto (pungere) sopra o sottostante la parte incriminata (per estensione) togliere, espellere da un testo qualsiasi, proprio o altrui, cancellando o depennando (senso figurato) in senso generico, eliminare (cattivi pensieri o ricordi, ad esempio)
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce ESPUNGERE del Wikizionario