Le citazioni sul tema: Differenza

« Dove non c'è differenza, c'è solo indifferenza. »

Louis Nizer

« Distinzione senza differenza. »

Henry Fielding

« La differenza tra essere un regista ed essere un attore è la stessa tra essere un carpentiere che pianta dei chiodi nel legno ed essere il pezzo di legno in cui vengono piantati i chiodi. »

Sean Penn

« Mi viene in mente, stando alla scrivania, che l'unica differenza tra me e Clinton è che io, sotto, non ho nessuno! »

Beppe Grillo

« Viviamo tutti sotto il medesimo cielo, ma non tutti abbiamo lo stesso orizzonte. »

Konrad Adenauer

« L'uomo ha due occhi per vedere, la donna due occhi per essere vista. »

Proverbio cinese

« Gli uomini non sono capaci di regolare le loro emozioni come sanno fare le donne. Spesso quando una donna dice no, non lo pensa davvero. »

Raymond Dean

« Invece di suddividere le persone per sesso avrebbero dovuto distinguere fra due classi: quelli statici e quelli dinamici. »

Evelyn Waugh

« Quello che è cibo per un uomo è veleno per un altro. »

Lucrezio

« Noi - non siamo forse fatti, come le note musicali, / L'uno per l'altro, anche se diversi? »

Percy Bysshe Shelley

1 di 2

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: reprobo


Aggettivo
reprobo m (singolare maschile: reprobo, plurale maschile: reprobi, singolare femminile: reproba, plurale femminile: reprobe)
profondamente malvagio; scellerato, perverso, tristo, cattivo nella terminologia religiosa, detto di ciò o di colui che suscita la riprovazione o l'esecrazione e la condanna divine
Sostantivo
reprobo m sing
chi, per malvagità, cattiveria ecc. si è reso responsabile di gravi colpe, crimini e delitti colui che è degno del castigo divino, generalmente contrapposto a eletto
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce REPROBO del Wikizionario