Le citazioni sul tema: Dottore

« I pediatri mangiano perché i bambini non mangiano. »

Meyer A. Perlstein

« Chi dovrà decidere, se dei dottori sono in disaccordo? »

Alexander Pope

« La maggior parte delle mie paure, circa ai mali fisici, riguarda i medici e le loro cure, non la malattia. »

Guido Ceronetti

« Un quarto di ciò che mangiamo serve per vivere. Gli altri tre quarti servono a far vivere i medici. »

Anonimo egizio

« Quando un uomo affronta sei anni di addestramento per diventare dottore non sarà mai più lo stesso. Sa troppo. »

Enid Bagnold

« Quasi tutti i dottori hanno la loro malattia preferita. »

Henry Fielding

« Dico spesso che un grande dottore uccide più gente che un grande generale. »

Gottfried Wilhelm von Leibniz

« Il mio dottore mi diede sei mesi di vita; ma quando non potei pagare il conto, me ne diede altri sei. »

Walter Matthau

« Non andate mai da un dottore le cui piante nel suo ufficio sono morte. »

Erma Fiste Bombeck

« Il termine "dottore" è così inflazionato che non lo usano nemmeno più i custodi dei parcheggi. »

Cesare Marchi

1 di 2

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: reprobo


Aggettivo
reprobo m (singolare maschile: reprobo, plurale maschile: reprobi, singolare femminile: reproba, plurale femminile: reprobe)
profondamente malvagio; scellerato, perverso, tristo, cattivo nella terminologia religiosa, detto di ciò o di colui che suscita la riprovazione o l'esecrazione e la condanna divine
Sostantivo
reprobo m sing
chi, per malvagità, cattiveria ecc. si è reso responsabile di gravi colpe, crimini e delitti colui che è degno del castigo divino, generalmente contrapposto a eletto
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce REPROBO del Wikizionario