Le citazioni sul tema: Malvagità

« Il sole splende anche sui malvagi. »

Seneca

« La malvagità non procede mai su alcuna base ragionevole. »

Livio

« Nessuno ha mai raggiunto gli abissi della malvagità tutti in un colpo. »

Giovenale

« E nel bene ancor trovare il modo di far danno. »

John Milton

« Tu sei uno di quelli che non servono Dio se il diavolo glielo chiede. »

William Shakespeare

« Amici miei, ténete a mente questo: non ci sono né cattive erbe né uomini cattivi. Ci sono solo cattivi coltivatori. »

Victor Hugo

« Volete nuocere a qualcuno? Non ditene male, ditene troppo bene. »

André Siegfried

« Poichè gli uomini sono qualche volta malvagi, mettetevi in condizione di fare qualche volta del male, soltanto perchè non si osi farne a voi. »

Pierre Carlet de Chamblain de Marivaux

« Vedere e ascoltare i malvagi è già l'inizio della malvagità. »

Confucio

« Dio sopporta i malvagi, ma non per sempre. »

Miguel de Cervantes y Saavedra

1 di 2

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: reprobo


Aggettivo
reprobo m (singolare maschile: reprobo, plurale maschile: reprobi, singolare femminile: reproba, plurale femminile: reprobe)
profondamente malvagio; scellerato, perverso, tristo, cattivo nella terminologia religiosa, detto di ciò o di colui che suscita la riprovazione o l'esecrazione e la condanna divine
Sostantivo
reprobo m sing
chi, per malvagità, cattiveria ecc. si è reso responsabile di gravi colpe, crimini e delitti colui che è degno del castigo divino, generalmente contrapposto a eletto
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce REPROBO del Wikizionario