Le citazioni sul tema: Nome

« Chiamar le cose con il loro nome è l'inizio della saggezza. »

Proverbio cinese

« Che cos'è mai un nome? Quella che noi chiamiamo rosa, pur con un altro nome avrebbe sempre lo stesso profumo. »

William Shakespeare

« Il nome di un uomo è, in genere, considerato espressione sonora di quel che un uomo è. »

William Faulkner

« Nomen est omen (Il nome già contiene un presagio). »

Plauto

« Forse anche il nostro nome sarà unito a questi. »

Ovidio

« Diamo spesso dei nomi differenti alle cose: quelle che a me son spine voi le chiamate rose. »

Pierre Corneille

« Mi domando, ma i genitori dei sette nani erano ubriachi quando han scelto quei nomi lì per i loro figli? »

Fabio Fazio

« Spesso i nomi si adattano proprio bene alle cose che indicano. »

Riccardo da Venosa

« Il buon nome si fonda più sull'apparenza che sui fatti. Perciò se uno non è casto sia almeno cauto. »

Baltasar Gracián y Morales

« Il giorno in cui han dato loro i nomi, i genitori dei sette nani dovevano essere ubriachi. »

Anonimo

1 di 2

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: atavico


Aggettivo
atavico m sing (singolare maschile: atavico, plurale maschile: atavici, singolare femminile: atavica, plurale femminile: ataviche)
di ciò che è originario degli antenati, specialmente molto lontani nel tempo, e che discende come eredità da essi (per estensione) antico, remoto, primigenio (biologia) in genetica, di carattere riscontrabile negli organismi viventi così come nei loro antenati antichi che appare invece regredito o del tutto scomparso in quelli meno remoti (atavismo); più specificamente, di carattere ereditario che riappare in un individuo dopo essere stato assente per più generazioni come effetto di una ricombinazione di geni che codificano per fenotipi recessivi
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce ATAVICO del Wikizionario