Le citazioni sul tema: Vanità

« Parlo molto di me. Probabilmente perché sono l'uomo che tengo più sottomano. »

Miguel de Unamuno

« La gente ha tanta maggior vanità quanto meno valore ha. »

Detto

« L'unica cura per la vanità è il riso, e l'unico difetto che sia ridicolo è la vanità. »

Henri Louis Bergson

« Il miglior modo per far girare la testa ad una donna è dirle che ha un bel profilo. »

Sacha Guitry

« La virtù non andrebbe molto lontano se non fosse accompagnata dalla vanità. »

François de La Rochefoucauld

« Il vanitoso parlerà di una gaffe o di una stupidaggine che ha commesso, piuttosto che privarsi del piacere di parlare della propria amata persona. »

Joseph Addison

« La vanità gioca dei brutti scherzi alla memoria. »

Joseph Conrad

« La vanità è alla base di tutto, anche la coscienza non è altro che vanità interiore. »

Gustave Flaubert

« Ciò che si gonfia, per natura deve essere piatto. »

Stanislaw J. Lec

« È così egocentrico che se va a un matrimonio vorrebbe essere la sposa e a un funerale il morto. »

Leo Longanesi

1 di 3 »

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: atavico


Aggettivo
atavico m sing (singolare maschile: atavico, plurale maschile: atavici, singolare femminile: atavica, plurale femminile: ataviche)
di ciò che è originario degli antenati, specialmente molto lontani nel tempo, e che discende come eredità da essi (per estensione) antico, remoto, primigenio (biologia) in genetica, di carattere riscontrabile negli organismi viventi così come nei loro antenati antichi che appare invece regredito o del tutto scomparso in quelli meno remoti (atavismo); più specificamente, di carattere ereditario che riappare in un individuo dopo essere stato assente per più generazioni come effetto di una ricombinazione di geni che codificano per fenotipi recessivi
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce ATAVICO del Wikizionario