Le citazioni di: Cesare Pavese

« Non fidarti delle donne quando ammettono il male. »

Cesare Pavese

« Nessuna donna si sposa per denaro; sono tutte tanto astute, prima di sposare un miliardario, da innamorarsene. »

Cesare Pavese

« Amore è desiderio di conoscenza. »

Cesare Pavese

« Nelle parole c'è qualcosa d'impudico. »

Cesare Pavese

« Solo ciò che è trascorso o mutato o scomparso ci rivela il suo volto reale. »

Cesare Pavese

« Un chiodo tira un altro, ma quattro fanno una croce. »

Cesare Pavese

« L'angoscia vera è fatta di noia. »

Cesare Pavese

« Non ci si libera di una cosa evitandola, ma soltanto attraversandola. »

Cesare Pavese

« I suicidi sono omicidi timidi. »

Cesare Pavese

« La vita è dolore e la gioia dell'amore è un anestetico. »

Cesare Pavese

1 di 3 »

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: reprobo


Aggettivo
reprobo m (singolare maschile: reprobo, plurale maschile: reprobi, singolare femminile: reproba, plurale femminile: reprobe)
profondamente malvagio; scellerato, perverso, tristo, cattivo nella terminologia religiosa, detto di ciò o di colui che suscita la riprovazione o l'esecrazione e la condanna divine
Sostantivo
reprobo m sing
chi, per malvagità, cattiveria ecc. si è reso responsabile di gravi colpe, crimini e delitti colui che è degno del castigo divino, generalmente contrapposto a eletto
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce REPROBO del Wikizionario