Le citazioni di: Dante Alighieri

« Uomini siete, e non pecore matte. »

Dante Alighieri

« Donne che avete intelletto d'amore. »

Dante Alighieri

« Amor che a nullo amato amar perdona. »

Dante Alighieri

« Poi cominciò: "Tu vuo' ch'io rinnovelli / disperato dolor che 'l cor mi preme / già pur pensando, pria ch'io ne favelli." »

Dante Alighieri

« Galeotto fu il libro e chi lo scrisse. »

Dante Alighieri

« Non ragioniam di lor, ma guarda e passa. »

Dante Alighieri

« L'aiuola che ci fa tanto feroci. »

Dante Alighieri

« Non viv'elli ancora? / non fiere li occhi suoi il dolce lome? »

Dante Alighieri

« Ambo le man per lo dolor mi morsi. »

Dante Alighieri

« Pensa che questo dì mai non raggiorna! »

Dante Alighieri

1 di 3 »

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: atavico


Aggettivo
atavico m sing (singolare maschile: atavico, plurale maschile: atavici, singolare femminile: atavica, plurale femminile: ataviche)
di ciò che è originario degli antenati, specialmente molto lontani nel tempo, e che discende come eredità da essi (per estensione) antico, remoto, primigenio (biologia) in genetica, di carattere riscontrabile negli organismi viventi così come nei loro antenati antichi che appare invece regredito o del tutto scomparso in quelli meno remoti (atavismo); più specificamente, di carattere ereditario che riappare in un individuo dopo essere stato assente per più generazioni come effetto di una ricombinazione di geni che codificano per fenotipi recessivi
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce ATAVICO del Wikizionario