Le citazioni di: Francesco Guicciardini

« Che mi rileva a me, che colui che mi offende lo faccia per ignoranza e non per malignità. »

Francesco Guicciardini

« Per lo ordinario erra più chi delibera presto che chi delibera tardi; ma da riprendere è sommamente la tardità dell'eseguire, poi che si è fatta la risoluzione. »

Francesco Guicciardini

« E' meglio un giorno solo da ricordare, che ricadere in una nuova realtà sempre identica. »

Francesco Guicciardini

« Più onere ti fa un ducato che tu hai in borsa che dieci che n'hai spesi. »

Francesco Guicciardini

« La buona fortuna degli uomini è spesso el maggiore inimico che abbino, perché gli fa diventare spesso cattivi, leggieri, insolenti. Però è maggiore paragone di uno uomo el resistere a questa che alle avversità. »

Francesco Guicciardini

« Grande sorte è quella degli astrologi che più fede gli dà una verità che pronosticano che non gli toglie cento falsità. »

Francesco Guicciardini

« Sono varie le nature degli uomini: certi sperano tanto, che mettono per certo quello che non hanno, altri temono tanto, che mai sperano se non hanno in mano. »

Francesco Guicciardini

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: atavico


Aggettivo
atavico m sing (singolare maschile: atavico, plurale maschile: atavici, singolare femminile: atavica, plurale femminile: ataviche)
di ciò che è originario degli antenati, specialmente molto lontani nel tempo, e che discende come eredità da essi (per estensione) antico, remoto, primigenio (biologia) in genetica, di carattere riscontrabile negli organismi viventi così come nei loro antenati antichi che appare invece regredito o del tutto scomparso in quelli meno remoti (atavismo); più specificamente, di carattere ereditario che riappare in un individuo dopo essere stato assente per più generazioni come effetto di una ricombinazione di geni che codificano per fenotipi recessivi
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce ATAVICO del Wikizionario