Le citazioni di: Georg C. Lichtenberg

« Il ricevere applausi per opere che non richiedono tutte le nostre facoltà ostacola il nostro progresso verso il perfezionamento dello spirito: di solito significa che, d'allora in poi, staremo fermi. »

Georg C. Lichtenberg

« Credete voi che il buon Dio sia cattolico? »

Georg C. Lichtenberg

« Dare l'ultima mano alla propria opera significa bruciarla. »

Georg C. Lichtenberg

« Errare è umano in quanto gli animali non sbagliano mai o quasi mai, o almeno solo i più intelligenti tra loro lo fanno. »

Georg C. Lichtenberg

« Quando doveva far uso della mente era come quando qualcuno abituato a usare la destra è costretto a usare la sinistra. »

Georg C. Lichtenberg

« Lo spirito e la bizzarria vanno adoperati con cautela, come tutte le sostanze corrosive. »

Georg C. Lichtenberg

« Nel bastonare era trasportato da una specie di istinto sessuale: bastonava solo sua moglie. »

Georg C. Lichtenberg

« La cosa peggiore che si possa fare è pensare e riflettere con angoscia a che cosa si sarebbe potuto fare. »

Georg C. Lichtenberg

« L'uomo può essere trovato nella ragione, Dio nella passione. »

Georg C. Lichtenberg

« Il dubbio non deve essere niente più che vigilanza, altrimenti può diventare pericoloso. »

Georg C. Lichtenberg

1 di 10 »

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: reprobo


Aggettivo
reprobo m (singolare maschile: reprobo, plurale maschile: reprobi, singolare femminile: reproba, plurale femminile: reprobe)
profondamente malvagio; scellerato, perverso, tristo, cattivo nella terminologia religiosa, detto di ciò o di colui che suscita la riprovazione o l'esecrazione e la condanna divine
Sostantivo
reprobo m sing
chi, per malvagità, cattiveria ecc. si è reso responsabile di gravi colpe, crimini e delitti colui che è degno del castigo divino, generalmente contrapposto a eletto
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce REPROBO del Wikizionario