Le citazioni di: Giovenale

« Tutti desiderano possedere la conoscenza, ma relativamente pochi sono disposti a pagarne il prezzo. »

Giovenale

« Quis custodiet ipsos / custodes? (Chi sorveglierà i sorveglianti?) »

Giovenale

« Nessuno ha mai raggiunto gli abissi della malvagità tutti in un colpo. »

Giovenale

« L'onestà è lodata da tutti, ma muore di freddo. »

Giovenale

« Molti individui, come i diamanti grezzi, nascondono splendide qualità dietro una ruvida apparenza. »

Giovenale

« È pura follia fare una vita da poveraccio per essere ricco quando morirai. »

Giovenale

« Omnia Romae / Cum pretio (A Roma, tutto si può avere ad un prezzo). »

Giovenale

« La vendetta è il piacere abietto di una mente abietta. »

Giovenale

« L'amore per il denaro cresce tanto quanto cresce il denaro. »

Giovenale

« Questo voglio, così comando, che il mio volere valga da ragione. »

Giovenale

1 di 4 »

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: reprobo


Aggettivo
reprobo m (singolare maschile: reprobo, plurale maschile: reprobi, singolare femminile: reproba, plurale femminile: reprobe)
profondamente malvagio; scellerato, perverso, tristo, cattivo nella terminologia religiosa, detto di ciò o di colui che suscita la riprovazione o l'esecrazione e la condanna divine
Sostantivo
reprobo m sing
chi, per malvagità, cattiveria ecc. si è reso responsabile di gravi colpe, crimini e delitti colui che è degno del castigo divino, generalmente contrapposto a eletto
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce REPROBO del Wikizionario