Le citazioni di: Groucho Marx

« Mi sono fatto strada dal nulla ad uno stato di estrema povertà. »

Groucho Marx

« L'ultima volta che sono andato dal dottore mi ha dato tante medicine che, una volta guarito, sono stato male per un mese intero. »

Groucho Marx

« Trovo la televisione davvero molto istruttiva. Ogni volta che qualcuno mette in funzione l'apparecchio, me ne vado nell'altra stanza a leggere un libro. »

Groucho Marx

« Per favore accettate le mie dimissioni: non voglio far parte di un club che persiste a volermi accettare come membro. »

Groucho Marx

« Chiunque dica che può veder attraverso una donna si perde parecchio! »

Groucho Marx

« Il matrimonio è la causa principale del divorzio. »

Groucho Marx

« Nessuno è completamente infelice del fallimento del suo migliore amico. »

Groucho Marx

« Non vorrei mai far parte di un club che accetti fra i suoi membri un tipo come me. »

Groucho Marx

« Io suono al conservatorio. Sì, ma non mi aprono mai. »

Groucho Marx

« "Dove fu firmata la Dichiarazione di indipendenza?" "In fondo a destra!" »

Groucho Marx

1 di 3 »

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: giubileo


Sostantivo
giubileo m sing(plurale: giubilei)
(storia) antica festa ebraica che si celebrava ogni cinquanta anni (cristianesimo) nel cattolicesimo indulgenza plenaria elargita dal papa, dapprima ogni cent'anni, poi cinquant'anni, successivamente ogni venticinque o in ricorrenze straordinarie, e assoggettata al viaggio a Roma o alla visita ad un santuario Nel 1933 si svolse il primo giubileo straordinario del secolo scorso
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce GIUBILEO del Wikizionario