Le citazioni di: William Shakespeare

« Un giovanotto sposato è un uomo rovinato. »

William Shakespeare

« Si finisce impiccati o si prende moglie come vuole il destino. »

William Shakespeare

« Più di una bella impiccagione previene un pessimo matrimonio. »

William Shakespeare

« Ogni colpa sembra mostruosa finché non arriva un'altra colpa che le sia compagna. »

William Shakespeare

« Non siamo nati per supplicare, ma per comandare. »

William Shakespeare

« Può ben dire la sua un leone, quando a dir la loro c'è tanti asini in giro. »

William Shakespeare

« Tu, "Z", figlia illegittima, tu lettera affatto necessaria. »

William Shakespeare

« Sono povero come Giobbe, milord, ma non così paziente. »

William Shakespeare

« Miserabile che sono, sono poveri persino i miei ringraziamenti. »

William Shakespeare

« Ora non mi curo più delle cose irreparabili. »

William Shakespeare

1 di 35 »

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: atavico


Aggettivo
atavico m sing (singolare maschile: atavico, plurale maschile: atavici, singolare femminile: atavica, plurale femminile: ataviche)
di ciò che è originario degli antenati, specialmente molto lontani nel tempo, e che discende come eredità da essi (per estensione) antico, remoto, primigenio (biologia) in genetica, di carattere riscontrabile negli organismi viventi così come nei loro antenati antichi che appare invece regredito o del tutto scomparso in quelli meno remoti (atavismo); più specificamente, di carattere ereditario che riappare in un individuo dopo essere stato assente per più generazioni come effetto di una ricombinazione di geni che codificano per fenotipi recessivi
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce ATAVICO del Wikizionario