Le citazioni sul tema: Offesa

« È impossibile offendermi quando voglio qualcosa. »

Anonimo

« Se un altro ti offende potrai dimenticartene, ma se offendi un altro te ne ricorderai per sempre. »

Kahlil Gibran

« Nessuno patisce danno se non per propria mano. »

Diogene il Cinico

« Parlare e offendere, per certe persone, è precisamente la stessa cosa. »

Jean de La Bruyère

« Iniuria illata iudici videtur ipsi regi illata (L'offesa fatta al giudice è come se fosse fatta al re). »

Proverbio latino

« Ch'a donna non si fa maggior dispetto, / che quando o vecchia o brutta le vien detto. »

Ludovico Ariosto

« Le iniurie si debbono fare tutte insieme, acciò che, assaporandosi meno, offendino meno: è benefizii si debbono fare a poco a poco, acciò che si assaporino meglio. »

Niccolò Machiavelli

« Ignora le piccole offese: spariranno del tutto. »

Thomas Fuller

« Non si pesano sulla stessa bilancia le offese che si arrecano e quelle che si subiscono. »

Esopo

« Ama chi offende, ma detesta l'offesa. »

Alexander Pope

1 di 2

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: splenio


Sostantivo
splenio m sing (plurale: spleni)
(anatomia) fascio di muscoli spinotrasversari che occupa la parte superiore del dorso e tutta l'altezza della nuca e che si suddivide in muscolo splenio del capo, che origina dai processi spinosi delle prime vertebre toraciche e della settima vertebra cervicale e che, portatosi verso l'alto e lateralmente fino a inserirsi, sotto il muscolo sternocleidomastoideo, nell'osso temporale e in quello occipitale, svolge la funzione di estendere, flettere lateralmente, e ruotare dal proprio lato la testa e la colonna cervicale, e muscolo splenio del collo, che origina dai processi spinosi delle vertebre toraciche, dalla V alla III, decorre in alto e lateralmente, situandosi in profondità rispetto al muscolo dentato posteriore superi
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce SPLENIO del Wikizionario