Le citazioni sul tema: Prossimo

« Ama il prossimo tuo come te stesso. (§ 19, 19) »

Matteo evangelista

« Troppo faticoso soccorrere me stesso e il prossimo. »

Bertolt Brecht

« Nessuno si è mai ammazzato perché non riusciva ad amare il prossimo suo come se stesso. »

Marcello Marchesi

« Non amare il tuo prossimo come te stesso: se sei in buoni rapporti con te stesso, è un'impertinenza; nel caso opposto, è un'offesa. »

George Bernard Shaw

« Il prossimo è uno che ci è stato imposto di amare come noi stessi e che fa di tutto per farci disubbidire. »

Ambrose Gwinnett Bierce

« Se poi l'io è detestabile, amare il prossimo come se stessi diventa un'atroce ironia. »

Paul Valéry

« Quand'è un piacere amare il prossimo, non è più una virtù. »

Kahlil Gibran

« Gli uomini, invece di guardare dentro di sé, guardano i difetti degli altri. »

Persio

« Chi non è in grado di fare qualcosa per gli altri ha almeno il dovere di partecipare alle sofferenze altrui senza ulteriori commenti. »

Franz Fischer

Cerca autore per iniziale:

Cerca categoria per iniziale:

La parola di oggi è: atavico


Aggettivo
atavico m sing (singolare maschile: atavico, plurale maschile: atavici, singolare femminile: atavica, plurale femminile: ataviche)
di ciò che è originario degli antenati, specialmente molto lontani nel tempo, e che discende come eredità da essi (per estensione) antico, remoto, primigenio (biologia) in genetica, di carattere riscontrabile negli organismi viventi così come nei loro antenati antichi che appare invece regredito o del tutto scomparso in quelli meno remoti (atavismo); più specificamente, di carattere ereditario che riappare in un individuo dopo essere stato assente per più generazioni come effetto di una ricombinazione di geni che codificano per fenotipi recessivi
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce ATAVICO del Wikizionario