Senza infamia e senza lode

Qualcosa che si considera mediocre ed insipida.
La frase è presa dalla Divina Commedia, di preciso dal canto III dell’Inferno. Qui Dante incontra gli ignavi, in vita indifferenti a tutto. Collocati nel vestibolo dell’Inferno, non sono degni di trascorrere l’eternità né lì e nemmeno nel Purgatorio.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963