Verifica se è corretto:

Più modi di dire: Coraggioso

valoroso (agg.), audace (agg.), ardito (agg.), ardimentoso (agg.), temerario (agg.), eroico (agg.), spericolato (agg.), forte (agg.), deciso (agg.), fermo (agg.), risoluto (agg.), sfacciato (agg.)...

Leggi tutto >>

La parola di oggi è: splenio


Sostantivo
splenio m sing (plurale: spleni)
(anatomia) fascio di muscoli spinotrasversari che occupa la parte superiore del dorso e tutta l'altezza della nuca e che si suddivide in muscolo splenio del capo, che origina dai processi spinosi delle prime vertebre toraciche e della settima vertebra cervicale e che, portatosi verso l'alto e lateralmente fino a inserirsi, sotto il muscolo sternocleidomastoideo, nell'osso temporale e in quello occipitale, svolge la funzione di estendere, flettere lateralmente, e ruotare dal proprio lato la testa e la colonna cervicale, e muscolo splenio del collo, che origina dai processi spinosi delle vertebre toraciche, dalla V alla III, decorre in alto e lateralmente, situandosi in profondità rispetto al muscolo dentato posteriore superi
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce SPLENIO del Wikizionario

La citazione del giorno

«Il mondo è come un contadino ubriaco; non si fa in tempo ad aiutarlo a montare in sella da una parte che subito cade dall'altra.»

Martin Lutero

Il Santo di oggi

a cura di Edizioni Paoline

B. Timoteo Giaccardo, sacerdote

Apostolo della comunicazione sociale

Nasce il 13 giugno 1896 a Narzole, in provincia di Cuneo. In quello stesso giorno viene battezzato con il nome di Giuseppe. Frequenta la scuola elementare con impegno ottenendo sempre ottimi risultati. Nel 1908 incontra per la prima volta Don Giacomo Alberione, il sacerdote che già portava in cuore il progetto della Famiglia Paolina, che lo aiuta a entrare nel seminario di Alba. Nel 1917 entra a far parte della Società S. Paolo; nel 1919 diviene sacerdote e, nella giovane istituzione, diventa per tutti esempio di impegno e di dedizione. Muore di leucemia fulminante il 24 gennaio 1948. E' il primo sacerdote paolino, anzi il primo membro della Chiesa che si è santificato percorrendo tutte le tappe dell'apostolato della comunicazione sociale. Il fondatore Don Alberione, con il suo carisma, ha dato alla Chiesa nuovi strumenti per esprimersi, nuovi mezzi per dare vigore e ampiezza al suo apostolato, nuova capacità e nuova coscienza della validità e della possibilità della sua missione nel mondo moderno con i mezzi moderni. Timoteo Giaccardo, come figlio diletto, ha collaborato in modo 'eminente' alla costruzione del grande Istituto. Egli è anche il primo frutto di una spiritualità che sta a fondamento di tutta l'opera di Don Alberione, centrata su Cristo maestro via, verità e vita. Questo apostolo della comunicazione sociale è proclamato beato da Giovanni Paolo II il 22 ottobre 1989.

Altri santi: S. Donato di Fiesole, S. Maria Salomè, S. Moderano - S. Bertario di Montecassino

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti