Il Santo del giorno 05 Marzo

a cura di Edizioni Paoline

S. Foca, martire

Venerato a Costantinopoli e Antiochia

Conosciamo questo santo attraverso il racconto che ci fa di lui il Vescovo Asterio di Amasea, a commemorazione del centenario del martirio, nel V secolo. Quando anche ai confini dell'impero la persecuzione anticristiana di Diocleziano colpisce indistintamente grandi e piccoli, Foca non esita a farsi riconoscere come cristiano. Subisce pertanto il martirio intorno al 303. Foca era un modesto contadino e di mestiere faceva l'ortolano. Presentatisi un giorno in casa sua alcuni carnefici, che ovviamente non lo conoscevano di vista, Foca li accoglie facendoli accomodare a tavola; insieme mangiano e discorrono del più e del meno. Al termine del pranzo, l'ortolano chiede di potersi assentare per alcuni minuti; va nell'orto e si scava la fossa. Poi, rientrato in casa, dice: 'Sono io quello che cercate; sono pronto'! I carnefici, senza indugio, lo uccidono. Il culto di San Foca è particolarmente sviluppato a Costantinopoli e ad Antiochia.

Altri santi: S. Adriano di Cesarea, S. Camilla, S. Teofilo, S. Giovan Giuseppe della Croce

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti

Più modi di dire: Pazzo

matto (agg. e s.m.), folle (agg. e s.m.), squilibrato (agg. e s.m.), demente (agg. e s.m.), mentecatto (agg. e s.m.), scemo (agg. e s.m.), maniaco (agg. e s.m.), psicopatico (agg. e s.m.), paranoico (agg. e s.m.), schizofrenico (agg. e s.m.), alienato (agg. e s.m.), strano (agg. e s.m.)...

Leggi tutto >>

La citazione del giorno

«Così, quando vai in battaglia, ricordati dei tuoi antenati e dei tuoi discendenti.»

Tacito