Il Santo del giorno 24 Settembre

a cura di Edizioni Paoline

S. Gerardo Sagredo, vescovo e martire

Patrono degli educatori

A Budapest esiste ancora oggi il colle di San Gerardo: prende il nome da Gerardp che, nel 1030, divenne il primo vescovo della diocesi di Csanad, fondata dal re Stefano nell'Ungheria sud-orientale, e organizzata con l'aiuto dei benedettini. Nell'arte Gerardo è sempre raffigurato con l'abito vescovile; in mano ha perlopiù il pastorale e, talvolta, un cuore trafitto da una freccia. In diverse rappresentazioni è in gionocchio davanti a un'immagine della Vergine. Monaco benedettino originario di Venezia, prima di andare in Ungheria aveva guidato come abate il monastero di San Giorgio. Nel 1046, durante una sollevazione di pagani a Budapest, viene raggiunto da lanci di pietre e colpi di giavellotto e muore martire il 24 settembre 1046. Viene proclamato patrono degli educatori perchè è stato l'apprezzato precettore del re Stefano.

Altri santi: S. Pacifico, B. Vergine Maria della Mercede, S. Coprio

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti

Più modi di dire: Bagnato

annaffiato (agg.), irrigato (agg.), irrorato (agg.), inondato (agg.), spruzzato (agg.), lavato (agg.), umido (agg.), inumidito (agg.), zuppo (agg.), infradiciato (agg.), madido (agg.), impregnato (agg.)...

Leggi tutto >>

La citazione del giorno

«L'uomo che sa non parla; l'uomo che parla non sa. »

Lao Tze