Il Santo di oggi - 25 Giugno 2017

a cura di Edizioni Paoline

S. Guglielmo di Vercelli, abate

Fonda vari monasteri

Nasce intorno al 1085 a Vercelli. Lasciata alle spalle la sua famiglia e la sua città natale, raggiunge la sommità del monte Partenio, che in greco vuol dire 'vergine', e poi denominato Montevergine. Capisce che quello è il luogo scelto per lui dal Signore. Su quell'alta montagna avellinese si fa costruire una cella rimanendovi per un anno a pregare e meditare. Accanto alla cella di Guglielmo ben presto ne sorgono delle altre; alle quali nel 1124 si aggiunge una chiesa dedicata alla Vergine, solennemente consacrata dal vescovo Giovanni di Avellino. La chiesa attira fedeli sempre più numerosi, tanto che Guglielmo va in cerca di nuova solitudine. Per un anno dorme nel cavo di un enorme tronco d'albero, poi con dei compagni fonda altri monasteri. Il suo ideale di vita monastica si ispira alla regola di S. Benedetto, e le sue numerose istituzioni religiose hanno grande sviluppo in Italia. Guglielmo muore a Boleto il 24 giugno 1142. Il culto per il santo monaco cresce col tempo, tanto che nel 1807 le sue spoglie sono traslate a Montevergine. (a. effe)

Altri santi: S. Massimo di Torino, S. Prospero, S. Febronia

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti

Più modi di dire: Strada

via (s.f.), carreggiata (s.f.), carrozzabile (s.f.), via di comunicazione (s.f.), percorso (s.f.), tragitto (s.f.), cammino (s.f.), itinerario (s.f.), passaggio (s.f.), varco (s.f.), apertura (s.f.), solco (s.f.)...

Leggi tutto >>

La parola di oggi è: congerie


Sostantivo
congerie f inv
ammasso che riunisce confusamente un gran numero di oggetti disparati, sia in senso concreto che astratto
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce CONGERIE del Wikizionario

La citazione del giorno

«Occuparsi dell'altrui infamia è indizio che la propria fama è ormai logorata.»

Baltasar Gracián y Morales