Il Santo del giorno 23 Novembre

a cura di Edizioni Paoline

S. Michele Agostino Pro, gesuita

Martire

Nasce il 13 gennaio 1891 a Guadalupe e nel 1911 entra nella Compagnia di Gesù. Gli avvenimenti politici del suo Paese lo obbligano a proseguire gli studi negli Stati Uniti e in Spagna. Inviato nel 1924 in Belgio, riceve l'ordinazione sacerdotale nel 1925. Rientrato in Messico nell'estate del 1926, all'inizio della guerra religiosa, esercita clandestinamente il proprio ministero. Il 13 novembre 1927, dopo un fallito attentato contro il presidente Obregón, viene arrestato e - benchè estraneo alla vicenda - il 23 novembre fucilato. Il suo ingresso nella Compagnia di Gesù e gli avvenimenti politici del suo tempo portano Miguel Agostino Pro a viaggiare, soprattutto in Europa, dove può conoscere da vicino la realtà del cattolicesimo sociale dell'area franco-belga, partecipando all'attività di associazioni locali. Il rientro in Messico è caratterizzato dall'esercizio clandestino del suo ministero, alieno dalle attività dei 'cristeros'. Ciononostante subisce il martirio e per questo, moltissimi vescovi dell'America Latina chiedono l'apertura della causa di beatificazione, avvenuta l'11 gennaio 1952. Padre Pro è riconosciuto martire e il 25 settembre 1988 viene beatificato.

Altri santi: S. Clemente, S. Colombano, S. Lucrezia di M., S. Spes di Spoleto

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti

Più modi di dire: Tenere

stringere (v.tr.), prendere (v.tr.), afferrare (v.tr.), impugnare (v.tr.), reggere (v.tr.), sostenere (v.tr.), trattenere (v.tr.), mantenere fermo (v.tr.), fermare (v.tr.), frenare (v.tr.), bloccare (v.tr.), impedire (v.tr.)...

Leggi tutto >>

La citazione del giorno

«Il nazionalismo è una malattia infantile. È il morbillo dell'umanità.»

Albert Einstein