Il Santo del giorno 12 Settembre

a cura di Edizioni Paoline

S. Massimino di Treviri, vescovo

Vescovo di Treviri, combatte contro l'arianesimo

Nasce intorno al 280 a Silly, nella Francia occidentale. Divenuto sacerdote e vescovo della città di Treviri dal 330 al 346, cerca di contrastare con tutte le sue forze l'arianesimo. Si adopera grandemente per costruire la pace; a questo scopo si reca a Costantinopoli. Fermatosi, al ritorno, a Poitiers presso la sua famiglia, muore. E' il 12 settembre del 346. Dal 335 al 337 Massimino concede asilo a Treviri al patriarca di Alessandria, Atanasio, molto mal visto dagli ariani, e lo difende di fronte all'imperatore Costantino II, ottenendogli di fare ritorno alla sua sede episcopale. Massimino diventa presto bersaglio degli strali dei vescovi ariani d'Oriente: lo odiano tanto che arrivano a bandirlo dal sedicente sinodo di Filippopoli e a compilare un pubblico 'elenco delle colpe' di cui egli si sarebbe macchiato. I vescovi occidentali allora mettono a loro volta al bando quelli orientali, ma Massimino fa il possibile per non alimentare la discordia. Le sue spoglie sono fatte traslare a Treviri dal suo successore Paolino.

Altri santi: SS. Nome di Maria, S. Silvino di Verona, S. Guido di Anderlecht

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti

Più modi di dire: Brillante

splendente (agg.), scintillante (agg.), sfavillante (agg.), sfolgorante (agg.), raggiante (agg.), luminoso (agg.), smagliante (agg.), abbagliante (agg.), lucente (agg.), rilucente (agg.), luccicante (agg.), dorato (agg.)...

Leggi tutto >>

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963