Il Santo del giorno 20 Ottobre

a cura di Edizioni Paoline

S. Maria Bertilla Boscardin, suora

Spende la sua vita nella donazione e nella semplicità

Nasce in una famiglia di modesti agricoltori il 6 ottobre 1888, nella piccola contrada di Gioia di Brendola, in provincia di Vicenza. Passa l'adolescenza coltivando i campi paterni e lavorando come domestica nelle case del borgo. Una spiritualità mariana la caratterizza fin da giovane. Il catechismo di Pio XI è particolarmente amato da Bertilla, che lo porta sempre con sè. Nel 1905 entra tra le Maestre di S. Dorotea, a Vicenza. Terminato il periodo di noviziato, Maria Bertilla è inviata come tirocinante prima, poi come infermiera, presso l'ospedale di Treviso. In questo ambiente, con il suo esempio e con la sua carità, avvicina molti malati alla fede. Nel 1910, all'età di 22 anni, deve subire un intervento per l'asportazione di un tumore. Si riprende e ritorna al suo lavoro di infermiera a Treviso, a Como e a Viggiù e infine di nuovo a Treviso. Ma il tumore si riproduce e la costringe a sopportare gravi sofferenze, la prostra riducendola spesso in uno stato di grande debolezza. Spende la sua vita nella donazione e nella semplicità. Muore il 20 ottobre 1922. L'11 maggio 1961 Giovanni XXIII la proclama santa.

Altri santi: S. Irene del Portogallo, S. Cornelio, S. Saturnino, S. Maddalena, S. Leopardo

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti

Più modi di dire: Vivere

esistere (v.intr.), essere in vita (v.intr.), avere vita (v.intr.), stare (v.intr.), abitare (v.intr.), risiedere (v.intr.), soggiornare (v.intr.), svilupparsi (v.intr.), allignare (v.intr.), sostenersi (v.intr.), sopravvivere (v.intr.), tirare avanti (v.intr.)...

Leggi tutto >>

La citazione del giorno

«Due stupidi sono due stupidi. diecimila stupidi sono una forza storica.»

Leo Longanesi