Il Santo del giorno 14 Dicembre

a cura di Edizioni Paoline

S. Giovanni della Croce, dottore della Chiesa

Patrono dei poeti di lingua spagnola

Nasce a Fontiveros (Avila) nel 1542, terzo e ultimo figlio di Gonzalo e Caterina. Rimasto presto orfano di padre, viene affidato a un collegio. Qui riesce molto bene negli studi e comincia a farsi notare. Frequenta poi il collegio dei gesuiti, da dove esce con una buona preparazione umanistica. Nel 1564 fa la professione religiosa tra i Carmelitani di Medina del Campo. Decisivo è per la sua vita l'incontro con S. Teresa d'Avila, nel 1567. L'anno successivo dà inizio, infatti, a una nuova vita rinnovata del Carmelo. Colpito da setticemia a causa di piaghe purulenti nella gamba destra, muore a Udeba tra il 13 e il 14 dicembre 1591. Trasferitosi con S. Teresa prima a Valladolid e poi a Durnelo, prepara il futuro primo convento dei Carmelitani scalzi. In solitudine si dedica alla preghiera, alla contemplazione e all'apostolato nei borghi vicini. Nel 1572 passa ad Avila come confessore del monastero delle carmelitane dell'Incarnazione e molte persone si avvalgono della sua direzione spirituale. Spostamenti, carcere, sofferenze di vario tipo accompagnano la sua vita, ma Giovanni sopporta ogni cosa con coraggio e mansuetudine, consigliando a tutti la carità fraterna. Muore a 49 anni. Di grande ricchezza dottrinale e spirituale rimane il suo epistolario. Nel 1926 Pio XI lo dichiara Dottore della Chiesa e nel 1993 Giovanni Paolo II lo nomina patrono dei poeti di lingua spagnola.

Altri santi: S. Venanzio Fortunato, Sant'Agnello di Napoli, S. Matroniano, S. Pompeo, S. Nicasio

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti

Più modi di dire: Veloce

celere (agg.), svelto (agg.), rapido (agg.), lesto (agg.), spedito (agg.), attivo (agg.), dinamico (agg.), efficiente (agg.), pronto (agg.), scattante (agg.), sollecito (agg.), solerte (agg.)...

Leggi tutto >>

La citazione del giorno

«In una gerarchia, ogni impiegato tende a salire al proprio livello di incompetenza... Col tempo, ogni posto tende ad essere occupato da un impiegato che è incompetente nell'esecuzione del lavoro... Il lavoro viene fatto dagli impiegati che non hanno ancora raggiunto il loro livello di incompetenza.»

Laurence Johnston Peter