Il Santo del giorno 22 Gennaio

a cura di Edizioni Paoline

S. Vincenzo

Patrono di Saragoza, di Saint Vincent, di Vicenza e Cernobbio

Nato nel III secolo in Spagna da una famiglia consolare, è affidato a Valerio, vescovo di Saragoza, per essere avviato agli studi. Diviene arcidiacono e svolge con competenza e carità i due compiti caratteristici del ministero diaconale: la predicazione del Vangelo e l'amministrazione dei beni della comunità. Persino i pagani ammirano il suo zelo nel soccorrere i bisognosi, e molti si lasciano conquistare dalla sua parola convincente, abbracciando la fede cristiana. Il vescovo, ormai anziano, aveva trovato in lui il suo braccio destro e lo considerava suo successore. Quando scoppia la persecuzione dell'imperatore Diocleziano, il governatore Daciano, nel 304, si lancia con inaudita ferocia contro i cristiani d Spagna. Vescovo e diacono, sottoposti a torture, testimoniano la loro fede. Vincenzo viene decapitato. E' patrono di Saragoza, di Saint Vincent, di Vicenza e Cernobbio.

Altri santi: S. Gaudenzio, B. Laura Vicuña, S. Domenico di Sora, S. Antioco Sabaita

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti

Più modi di dire: Aspettare

attendere (v.tr.), rimanere in attesa (v.tr.), essere pronto (v.tr.), essere preparato (v.tr.), fermarsi (v.intr.), prendere tempo (v.intr.), indugiare (v.intr.), rimandare (v.intr.), rinviare (v.intr.), temporeggiare (v.intr.), differire (v.intr.), procrastinare (v.intr.)...

Leggi tutto >>

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963