Il Santo del giorno 26 Aprile

a cura di Edizioni Paoline

Ss. Anacleto e Marcellino, papi

Papi

Anacleto o Cleto come compare nella preghiera eucaristica del canone della Messa, è il successore di San Lino nella sede apostolica. Marcellino papa governa la chiesa per circa otto anni e muore alla fine del 304, nell'anno di maggiore recrudescenza della persecuzione anticristiana. Nato probabilmente ad Atene, è coadiutore con S. Pietro nel governo della Chiesa di Roma. A lui si attribuisce la 'memoria', ossia il sepolcro innalzato sulla tomba del principe degli apostoli, ma scarse sono le notizie precise. Anche di papa Marcellino conosciamo poco. Pare che la sua memoria sia stata infangata dai donatisti, i quali divulgarono la notizia che Marcellino e i suoi tre immediati successori, Marcello, Milziade e Silvestro, durante la persecuzione di Diocleziano avrebbero ceduto alla intimazione di consegnare i testi sacri. Insinuazione ritenuta da S. Agostino falsa. Marcellino muore decapitato insieme ad altri cristiani.

Altri santi: S. Pellegrino Laziosi, B. Alda di Siena, S. Marcellino

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti

Più modi di dire: Descrivere

rappresentare (v.tr.), esprimere (v.tr.), raccontare (v.tr.), narrare (v.tr.), esporre (v.tr.), tratteggiare (v.tr.), delineare (v.tr.), tracciare (v.tr.), circoscrivere (v.tr.), segnare (v.tr.)...

Leggi tutto >>

La citazione del giorno

«La volontà può e deve essere motivo d'orgoglio più dell'ingegno.»

Honoré de Balzac