Il Santo del giorno 29 Settembre

a cura di Edizioni Paoline

S. Michele, Gabriele, Raffaele, arcangeli

Proteggono operatori delle telecomunicazioni e dalle insidie demoniache

Con la riforma del calendario seguita al Concilio Vaticano II nel 1969, Gabriele, Michele e Raffaele sono venerati insieme in questo giorno. Nel 1951 Gabriele è stato proclamato protettore degli operatori delle telecomunicazioni; Michele è il protettore di tutti i luoghi contro le insidie demoniache. Raffaele è colui che presiede agli spiriti degli uomini. Nei Vangeli Gabriele è colui che annuncia le nascite sia di S. Giovanni Battista a Zaccaria che di Gesù alla vergine Maria. E' l'angelo da Dio incaricato per preannunciare i tempi messianici e la nascita sia di colui che conclude l'antica alleanza sia del Figlio che instaura quella nuova e definitiva. E' il rivelatore dell'evento centrale della storia della salvezza. Michele è il perenne oppositore di Satana. E' patrono di chi usa spade e bilance, della Pubblica Sicurezza italiana e dei radiologi. La descrizione che il libro di Tobia fa di Raffaele ha dato alla pietà giudaica e cristiana l'immagine più nota e amata dell'angelo, quella dell' 'angelo custode'. E' un essere spirituale e invisibile, ma vicinissimo all'uomo, che prende nota del bene e del male e giudica con verità, ma soprattutto guida con fraterna fermezza verso la salvezza e suggerisce le giuste soluzioni in ogni circostanza. E' l'amico che consolida la bontà dei giusti e li preserva da ogni male. E' patrono dei pellegrini e dei viaggi.

Altri santi: S. Giovanni da Dukla, S. Grimoaldo

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti

Più modi di dire: Guardare

osservare (v.tr.), esaminare (v.tr.), considerare (v.tr.), studiare (v.tr.), scrutare (v.tr.), ispezionare (v.tr.), squadrare (v.tr.), rivolgere lo sguardo (v.tr.), fissare lo sguardo (v.tr.), ammirare (v.tr.), mirare (v.tr.), contemplare (v.tr.)...

Leggi tutto >>

La citazione del giorno

«La rivoluzione è sempre per tre quarti fantasia e per un quarto realtà.»

Mikhail Aleksandrovic Bakunin