Il Santo del giorno 23 Giugno

a cura di Edizioni Paoline

S. Giuseppe Cafasso, sacerdote

Patrono delle carceri d'Italia

Nasce a Castelnuovo d'Asti il 15 gennaio 1811. Dopo aver compiuto gli studi, entra nel seminario di Chieri. Ordinato sacerdote nel 1833, si reca a Torino per completare la sua formazione. Dal 1843 diviene docente di morale; incarico che manterrà per ventiquattro anni. Non fonda congregazioni, nè lascia istituzioni. Ha però la capacità di trasmettere ad altri sacerdoti la convinzione della dignità del sacerdozio e dei relativi doveri. La cattedra non è l'unico suo impegno: oltre ad un'azione di rinnovamento sul clero, dedica molte attenzioni agli infermi, ai moribondi e ai carcerati, ottenendo molte conversioni. Muore il 23 giugno 1860. Nel 1925 Pio XI lo dichiara beato, definendolo 'la perla del sacerdozio italiano'. E' canonizzato il 22 giugno 1947 da papa Pio XII. Giuseppe Cafasso è patrono delle carceri d'Italia.

Altri santi: S. Lanfranco, S. Liberto, S. Agrippina, S. Giovanni da Matera

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti

Più modi di dire: Fare

attività (s.m.), lavoro (s.m.), azione (s.m.), operosità (s.m.), comportamento (s.m.), atteggiamento (s.m.), modo (s.m.), maniera (s.m.), portamento (s.m.), tono (s.m.), contegno (s.m.), inizio (s.m.)...

Leggi tutto >>

La citazione del giorno

«Le critiche sono la tassa che un uomo paga al pubblico per essere famoso.»

Jonathan Swift