Il Santo del giorno 25 Gennaio

a cura di Edizioni Paoline

Conversione di S. Paolo

Compie la prima inculturazione del Vangelo

Paolo nasce presumibilmente tra il 5 e il 10 dopo Cristo a Tarso, da genitori fabbricanti e venditori di tende, che hanno acquisito la cittadinanza romana. Motivo per cui ha il doppio nome: Saulo per gli ebrei e Paolo per i greci e i romani. Conosce bene la cultura greca e ne impara la lingua, ma rimane sempre fedele alle tradizioni dei padri. Da giovane è inviato a Gerusalemme dove completa la sua formazione 'ai piedi di Gamaliele', il maestro più famoso e più saggio del tempo del mondo ebraico. A Gerusalemme viene in contatto con i cristiani, ritenuti una setta pericolosa all'interno del giudaismo, da estirpare con ogni mezzo. Ancora giovane assiste alla morte di Stefano, mentre svolge il suo compito di custodire i mantelli dei lapidatori; quando raggiunge l'età adulta, ottiene l'autorizzazione a scovare e perseguitare i cristiani. Diviene il loro terrore. E' diretto a Damasco per la stessa causa quando 'all'improvviso avvolto da una luce dal cielo' cade a terra e ode: 'Saulo, Saulo, perchè mi perseguiti?' La grazia di Dio fa breccia nel suo cuore e Saulo diviene il più instancabile missionario. Compie quattro lunghi viaggi e fonda numerose Chiese alle quali indirizza le sue lettere. Con la sua predicazione e i suoi scritti opera la prima e più grande inculturazione del Vangelo nella storia.

Altri santi: Sant' Anania, B. Teresa Grillo Michel

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti

Più modi di dire: Aspettare

attendere (v.tr.), rimanere in attesa (v.tr.), essere pronto (v.tr.), essere preparato (v.tr.), fermarsi (v.intr.), prendere tempo (v.intr.), indugiare (v.intr.), rimandare (v.intr.), rinviare (v.intr.), temporeggiare (v.intr.), differire (v.intr.), procrastinare (v.intr.)...

Leggi tutto >>

La citazione del giorno

«La nostra simpatia è fredda al resoconto di una sofferenza lontana.»

Edward Gibbon