Dal vocabolario italiano: Elemosina


Sostantivo
elemosina f sing (plurale: elemosine)

  • (religione)(antropologia)(economia) libera donazione di modesta entità
  • Voce verbale
    elemosina

    1. terza persona singolare dell'indicativo presente di elemosinare
    2. seconda persona singgolare dell' imperativo presente di elemosinare

    Sillabazione
    e | le | mò | si | na

    Pronuncia
    IPA: /ele'mɔzina/

    Etimologia
    dal latino tardo eleemosy̆na,che deriva dal greco ἐλεημοσύνη, derivazione di ἐλεέω ossia "avere pietà"

    Citazioni

    "Quando dunque fai l'elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade per essere lodati dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Quando invece tu fai l'elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti segreta; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà" (Gesù, Discorso della Montagna)


    Tratto dalla voce ELEMOSINA del Wikizionario

    Rilasciato con licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

    I testi sopra riportati non sono in alcun modo espressione dell’opinione di Italiaonline S.p.A.

    Più modi di dire: Elemosina

    carità, obolo, questua, offerta, elargizione, esiguità, pochezza, meschinità...

    Leggi tutto >>

    © Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963