Dal vocabolario italiano: Malizia


Sostantivo
malizia f sing (plurale: malizie)


  1. tendenza, inclinazione, disposizione, intenzione o volontà di commettere il male, di recare danno, di agire consapevolmente con malizia contro l'onestà, la virtù, il giusto e la giustizia
  2. consapevolezza, conoscenza furbesca e spesso compiaciuta, di ciò che è male, o di vedere il male anche dove non vi sia
  3. conoscenza dei segreti della propria arte o come frutto di una lunga pratica ed esperienza
  4. stato di malattia, infezione, o corruzione
  5. potenziale perfidia
  6. (per estensione) (senso figurato) possibilità, talvolta esasperata, a "vedere" quasi ogni cosa soltanto in modo "malizioso"
  7. (per estensione) insinuare in modo inconsulto

Sillabazione
ma | lì | zia

Pronuncia
IPA: /ma'litsja/

Etimologia
dal latino malitia, a sua volta derivato da malus cioè "malvagio"

Citazioni

"L'ingenuità nella donna è più pericolosa della malizia." (Iginio Ugo Tarchetti)

Correlate

  • ammaliziare, ammalizzire, disincantato, falsificato, furbesco, immalizzire, lacciolo, maliziaccia (pegg.), malizietta (dim. o pegg.), malizioccia (dim. o pegg.), maliziuola (dim. o pegg.), maliziare, maliziato, maliziatamente, maliziosità, malizioso, maliziosaccio (pegg.), maliziosetto (dim.), maliziosino (dim.), maliziosuccio (dim.), maliziosamente, maliziuto, scaltrirsi, scantare, scantato, smaliziare, smaliziato

  • Proverbi

    • la malizia del demonio: l'astuzia del demonio
    • del d’ogne malizia, ch’odio in cielo acquista, ingiuria è ’l fine, ed ogne fin cotale o con forza o con frode altrui contrista; Dante (La divina commedia'', Inferno, Canto XI, 22–24)
    • incontinenza, malizia e la matta bestialitade; Dante (La divina commedia'', Inferno, Canto XI, 82–83)
    • è un ragazzo senza malizia: è un ragazzo ingenuo
    • e sur un certo fondo di goffaggine, dipintogli in viso dalla natura, velato poi e ricoperto, a più mani, di politica, balenò un raggio di malizia, che vi faceva un bellissimo vedere; Manzoni (I promessi sposi, Capitolo XVIII)
    • la malizia del mestiere
    • non credo cha veder maggior tristizia fosse in Egina il popol tutto infermo, quando fu l'aere sì pien di malizia, che li animali, infino al picciol vermo, cascaron tutti; Dante (La divina commedia, Inferno, Canto XXIX, 58–62)''

    Tratto dalla voce MALIZIA del Wikizionario

    Rilasciato con licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo

    I testi sopra riportati non sono in alcun modo espressione dell’opinione di Italiaonline S.p.A.

    Più modi di dire: Malizia

    cattiveria, malignità, intenzione disonesta, malvagità, furbizia, astuzia, scaltrezza, accortezza, inganno, trucco, stratagemma, espediente...

    Leggi tutto >>

    © Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963