Dal vocabolario italiano: Rabbonire


Verbo
Transitivo rabbonire

  1. riportare chi è troppo adirato o agitato per ragionare lucidamente alla calma e serenità necessarie al dialogo; ammansire, acquietare, placare, lenire la collera
  2. è certo che la somiglianza, se somiglianza cera, non rabboniva la signora Maddalena, non la rendeva né più indulgente né più tenera per quel figliuolo; anzi sembrava che nutrisse contro di lui una strana avversione.'' (Gerolamo Rovetta, Il tenente dei lancieri)

rabbonirsi

  1. farsi più tranquilli e docili; placarsi, detto anche della natura e dei suoi elementi
  2. il signor Amedeo si rabbonì , quando vide il certificato degli esami, che portava segnati, a giustificazione del figlio, tutti i punti e la lode. (Anton Giulio Barrili, La notte del commendatore: Racconto)

Sillabazione
rab | bo | nì | re

Etimologia
derivato di abbonire, letteralmente "rendere buono" con il prefisso iterativo ri- che indica il ripristino di una condizione precedente (alla collera, in questo caso)

Tratto dalla voce RABBONIRE del Wikizionario

Rilasciato con licenza Creative Commons CC BY-SA

Più modi di dire: Rabbonire

calmare (v.tr.), rassicurare (v.tr.), tranquillizzare (v.tr.), mitigare (v.tr.), rappacificare (v.tr.), quietare (v.tr.), calmarsi (v.pron.), rassicurarsi (v.pron.), tranquillizzarsi (v.pron.), placarsi (v.pron.), quietarsi (v.pron.)...

Leggi tutto >>

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963