Un libro di cucina aperto appoggiato su un tavolo di legno, con due cucchiai di legno; sullo sfondo si intravede un uomo dalla maglia rossa in cucina
Cultura

Il gusto della lettura: libri di cucina gourmet

In principio erano i ricettari, oggi i migliori libri di alta cucina sono molto di più: un’autentica porta d’accesso alla cultura gastronomica dei maestri del gusto.

Facebook Twitter

Gli scaffali delle librerie offrono spesso un’istantanea fedele di ciò che avviene nella nostra società. Tendenze più o meno passeggere vengono infatti fissate sulla carta in tempi rapidissimi. Talvolta è sufficiente uno sguardo ai titoli in primo piano per farsi un’idea della realtà intorno a noi: di come cambia e in quale direzione.

Nell’ultimo decennio, ad esempio, abbiamo assistito ad una fenomenale ascesa della figura del cuoco: lo chef, meglio ancora se stellato. Format televisivi di successo, nuove abitudini di consumo e una consapevolezza sempre più profonda del cibo hanno reso gli chef autentici protagonisti, non solo delle cucine dei loro ristoranti ma anche dei nostri salotti.

Se è vero che il primo tra i libri di cucina più venduti è certamente ancora oggi quello di Pellegrino Artusi – La scienza in cucina e l’arte di mangiare bene -, gastronomo di inizio ‘900, non si può fare a meno di notare la differenza tra quel testo e le produzioni di oggi.

La scienza in cucina e l’arte di mangiare bene

La scienza in cucina e l’arte di mangiare bene

I libri degli chef stellati risultano essere sempre meno grandiosi ricettari e sempre di più percorsi lungo le esperienze formative, professionali e personali dei loro autori.

Probabilmente in questo senso l’ultimo grande ricettario è quello di Gualtiero MarchesiLa cucina italiana. Il grande ricettario – l’indimenticato maestro universalmente riconosciuto come il grande innovatore della cucina nazionale: l’ispiratore, il consigliere, la guida di tutti i più grandi chef venuti prima di lui. Il suo è un compendio della cucina contemporanea italiana con oltre 1200 ricette: un testo imperdibile per ogni appassionato.

La cucina italiana. Il grande ricettario

La cucina italiana. Il grande ricettario

Carlo Cracco di Gualtiero Marchesi è stato ovviamente allievo. Il grande pubblico lo ha conosciuto negli studi dei talent più apprezzati della TV – da Masterchef ad Hell’s Kitchen -, lasciandosi conquistare dallo stile severo e dal talento purissimo. È nato prima l’uovo o la farina? è solo l’ultima delle sue pubblicazioni. Cracco ci offre un viaggio lungo 11 ingredienti comuni: dai ceci all’immancabile uovo, la sua materia preferita, dalle patate al riso, dal limone ai pomodori. Conoscere i fondamentali della cucina, governare le trasformazioni della materia prima più semplice per poi valorizzarla da grande chef: ecco l’obiettivo di questo libro.

È nato prima l’uovo o la farina?

È nato prima l’uovo o la farina?

Bruno Barbieri, che con Cracco in tv ha per molti anni fatto coppia fissa, alza il tiro con le 70 ricette del suo Cerco sapori in Piazza Grande. Tra i libri di cucina gourmet è probabilmente quello più accessibile, con l’indice chiaro e preciso, quello che offre i consigli più facili da seguire, a partire dalla scelta dei prodotti al mercato. Il talento e l’esperienza in cucina di Barbieri fanno la differenza, finendo per stimolare la creatività di ogni appassionato di cucina.

Cerco sapori in Piazza Grande

Cerco sapori in Piazza Grande

Dal numero uno della cucina italiana non ci si poteva attendere nient’altro di diverso: qualcuno ha addirittura definito Vieni in Italia con me la nuova opera fondamentale della cultura gastronomica italiana, il nuovo Artusi, anche se dall’impostazione di quel testo è lontano anni luce. Massimo Bottura, patron del celebre Osteria Francescana di Modena non regala ricette facilmente riproducibili a casa (all’interno del volume son comunque ben 48), tutt’altro, né indicazioni passo-passo da seguire per sorprendere i propri ospiti. Ciò che fa – e gli riesce benissimo da maestro qual è – è ispirare, trasmettendo l’amore profondo per la cucina a chiunque si appresti a leggere. Bottura guida il lettore lungo un percorso filosofico nel quale lo chef introduce il concetto di tradizione in evoluzione: il bollito misto emiliano si trasforma così velocemente nello skyline minimalista di Central Park e l’ossobuco può perfino assumere i tratti essenziali di uno Ying Yang.

Vieni in Italia con me

Vieni in Italia con me

Anthony Bourdain, il celebre chef britannico scomparso prematuramente nel 2018, ci ha lasciato invece in eredità – all’interno di una vasta produzione – uno tra i migliori libri di cucina mai scritti: Kitchen Confidential. Certo, si tratta di un titolo diverso dagli altri, perfetto per riportare la cucina dalle luci perfette dei set ai locali angusti, caldi e affollati dei ristoranti di una grande città come New York. È un’umanità inquieta e scalcagnata quella che Bourdain racconta. Rude come una ciurma, appassionata come una congrega di poeti. E sullo sfondo naturalmente il cibo, tantissimo cibo.

Kitchen Confidential

Kitchen Confidential

Italiaonline presenta prodotti e servizi che possono essere acquistati online su Amazon e/o su altri e-commerce. In caso di acquisto attraverso uno dei link presenti in pagina, Italiaonline potrebbe ricevere una commissione da Amazon o dagli altri e-commerce citati. I prezzi e la disponibilità dei prodotti non sono aggiornati in tempo reale e potrebbero subire variazioni nel tempo: è quindi sempre necessario verificare disponibilità e prezzo su Amazon e/o su altri e-commerce citati.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963