Libri impilati su una bancarella del Salone del Libro di Torino Fonte foto: 123rf
Cultura

Tutto sul Salone Internazionale del Libro di Torino 2021

Al via la XXXIII edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino - Vita Supernova: dal 14 al 18 ottobre 2021, i quattro padiglioni del centro espositivo Lingotto Fiere ospiteranno più di mille editori, dai grandi gruppi agli indipendenti, che esporranno nei loro stand il meglio del loro catalogo.

Facebook Twitter

Dal 1988, la più grande fiera italiana dell’editoria

Concepito nel 1988 dal libraio Angelo Pezzana e dall’imprenditore Guido Accornero, entrambi torinesi, il Salone Internazionale del Libro è fin dagli albori una fiera a tema letterario, che ha saputo rinnovarsi ed evolversi nel tempo.

Rilevato nel 1999 dalla Regione Piemonte, dalla Provincia di Torino e dalla Città di Torino e promosso dalla Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, oggi il Salone internazionale del Libro non si riduce a spazio di vendita e presentazione delle ultime uscite, ma si presenta come una festa lunga cinque giorni in cui si confrontano personaggi diversi che ruotano tutti intorno al mondo del libro.

Ecco qualche numero che permette di avere un’idea più precisa della portata di questa storica fiera torinese: il Salone del Libro richiama quasi 150.000 visitatori ogni anno, di cui circa 22.000 studenti, invita agenti ed editori da ben 40 Paesi, organizza 1200 eventi nei 63.000 mq del centro espositivo e altre 500 attività sul territorio regionale, oltre a registrare 17.000 iscritti alla piattaforma SalTo+, uno spazio virtuale per accedere a interviste, lezioni, video, podcast e approfondimenti di vario genere.

Cifre che parlano di un evento in continua espansione, che negli anni ha deciso di uscire dai confini del Lingotto per animare l’intera città con dibattiti di letteratura, arte e filosofia, scienza e religione, musica e cinema, promuovendo il dialogo e l’incontro, le collaborazioni e i progetti condivisi. Il Salone Off è infatti un evento cittadino che investe tutte le circoscrizioni del capoluogo piemontese portando libri e autori nei luoghi tradizionalmente votati alla cultura – come scuole, biblioteche e musei – ma anche in spazi inaspettati come ospedali, carceri, cimiteri, case popolari, ex fabbriche, strade, piazze, negozi, locali e parchi, soprattutto della periferia.

Il Salone del Libro 2021: un evento per le scuole e i professionisti del settore

Una manifestazione che parla di cultura in senso lato non può non avere una sezione dedicata alla scuola e agli studenti che la popolano. Sostenuto dalla Fondazione Compagnia di San Polo, SalTo Scuola propone diverse attività per insegnanti e ragazzi.

Tra le tante compaiono un corso di aggiornamento per i docenti, il progetto di lettura condivisa Un libro, tante scuole – che prevede la distribuzione gratuita in numerose regioni italiani di uno stesso romanzo, quest’anno La peste di Albert Camus – e l’iniziativa Adotta uno scrittore, che promuove la lettura permettendo l’incontro con 37 autori in 19 istituti di vario grado, scuole carcerarie comprese.

Oltre al mondo dell’istruzione, tanti sono gli appuntamenti pensati per i professionisti del settore, SalTo Pro. Per i librai è una preziosa opportunità per fare network e partecipare a convegni organizzati dall’Associazione Italiana Librai e dal Sindacato Italiano Librai, a incontri di presentazione delle aziende che forniscono servizi a loro dedicati e a iniziative per rafforzare il coinvolgimento diretto in altre manifestazioni ed eventi che si tengono durante il corso dell’anno.

Anche per i bibliotecari la proposta è ampia: sono previsti incontri di approfondimento, workshop e momenti di formazione – come il corso di 30 ore Educare alla Lettura che affronta il tema dell’educazione attraverso i libri – oltre a incontri con autori ed altri eventi previsti nei mesi successivi al Salone. E ovviamente non mancano gli appuntamenti per gli editori, studiati in collaborazione con le principali associazioni di categoria del settore: AIE, ADEI e l’Alleanza delle Cooperative.

Vita Supernova, il tema dell’edizione 2021

Il fil rouge che lega gli eventi più importanti della XXXIII edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino è Vita Supernova, vale a dire un’esplosione – stellare – capace di illuminare l’oscurità ma anche di distruggere grazie a una potenza straordinaria. Luci e ombre dunque, per riflettere su un futuro che al momento lascia aperti molti interrogativi.

La grande tematica è quella del rapporto post pandemia con il nostro pianeta, una sfida che potrebbe rappresentare una spinta al miglioramento o al contrario rivelarsi un moltiplicatore di problematiche difficili da sciogliere. Se da una parte c’è la questione ambientale da affrontare, dall’altra ci sono i temi riguardanti l’essere umano e la società in cui opera.

Un sistema economico da ripensare in vista di una maggiore giustizia sociale, un crescente spirito nazionalista che mette in crisi le democrazie liberali, la relazione tra individuo e comunità, il rapporto con la malattia e la sanità, le grandi questioni esistenziali legate a vita e morte, la connessione tra individuo e comunità, le innovazioni della scienza e della tecnologia, la parità di genere, i diritti delle minoranze… sono tutti argomenti attuali su cui meditare.

La riflessione proposta è il tentativo di tirare le fila di quanto è stato, cercando di dare una lettura multidimensionale ai cambiamenti di cui è responsabile il Covid. Non solo a livello collettivo ma anche individuale. Le modalità di interfacciarci con l’altro sono cambiate, così come si è profondamente modificata la relazione con il nostro io interiore. Insomma, verranno presi in considerazione temi che da sempre sono al centro di libri e romanzi.

Tutte le anticipazioni sul Salone del Libro di Torino 2021

I personaggi invitati e gli eventi pensati per questa nuova edizione del Salone internazionale del Libro di Torino sono numerosi: verranno presentati il nuovo romanzo di André Aciman, Mariana, l’ultimo libro di Javier Cercas, Indipendenza, così come Autobiografia di Petra Delicado, di Alicia Giménez-Bartlett, e La metà fantasma dell’argentino, di Alan Pauls.

Si potrà ascoltare dal vivo Stefania Auci, che parlerà della conclusione della celebre saga dei Florio e il francese Valérie Perrin, un noto caso editoriale degli ultimi anni; immancabile il confronto diretto con David Quammen, in Spillover anticipatore della trasmissione animale all’uomo di un virus e autore di un nuovo libro sul Covid-19.

Tanti gli incontri previsti con intellettuali che si sono occupati della pandemia o con personalità conosciute a livello internazionale altrimenti difficili da ascoltare dal vivo: ci saranno Domenico Starnone con Vita mortale e immortale della bambina di Milano, ed Ece Temelkuran con La fiducia e la dignità. Dieci scelte urgenti per un presente migliore, ma anche Carlo Verdone con La carezza della memoria e Jeff Kinney, in collegamento per l’anteprima nazionale dell’uscita del quindicesimo volume della serie Diario di una Schiappa: Colpito e affondato!

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963