Facile è criticare, difficile è l'arte Fonte foto: 123RF
Proverbi

Facile è criticare, difficile è l'arte

"Facile è criticare, difficile è l'arte" è un proverbio risalente al XVII secolo ma utilizzato ancora oggi nel linguaggio comune.

Facebook Twitter

I proverbi non smettono mai di sorprenderci: per quanto le loro origini possano essere antiche sono una fonte inesauribile di saggezza e insegnamenti per la vita di ogni giorno. I detti infatti ci suggeriscono spesso gli atteggiamenti corretti da assumere in diverse circostanze, così come possono rappresentare ammonimenti sui nostri comportamenti o su quelli degli altri.

Ne è l’esempio l’espressione “Facile è criticare, difficile è l’arte“, proverbio risalente al XVII secolo ma utilizzato ancora oggi nel linguaggio comune.

La spiegazione del proverbio

Il proverbio “La critica è facile e l’arte è difficile“, diffuso ancora oggi in tutta Europa, risale al XVII secolo: si ritrova per la prima volta in “Le Glorieux”, opera di Philippe Néricault Destouches, commediografo francese vissuto tra il 1680 e il 1754.

L’espressione fu ripresa anche dal filosofo, enciclopedista, scrittore e critico d’arte francese Denis Diderot, nato poco dopo Destouches, che nel suo “Discours sur la poésie dramatique” ha scritto: “È facile criticare giustamente; e difficile eseguire anche mediocremente”.

Il modo di dire trova ampio utilizzo anche ai giorni nostri per il suo significato che nel tempo è rimasto invariato: è facile dare un giudizio quando non si ha idea delle capacità che ci vogliono per portare a termine qualcosa, molto più difficile invece è appunto avere le abilità per produrre un’opera d’arte.

In generale, è molto più semplice criticare l’altro senza avere idea di cosa stia facendo, che mettersi all’opera e rendersi conto di quanto sia difficile portare a termine un compito.

Proverbi simili e collegati

I proverbi, come già accennato, aiutano non di rado a trovare il modo più giusto di comportarsi in determinate circostanze o a porci davanti alcune situazioni in cui tutti noi prima o poi potremmo imbatterci.

L’espressione “La critica è facile e l’arte è difficile” è un perfetto ammonimento per ricordare a tutti noi che non bisogna criticare l’altro senza sapere l’impegno che c’è dietro un determinato compito. Molto vicino a questo modo di dire c’è “A nessuno piace la giustizia a casa sua“: è molto facile criticare le decisioni degli altri e sentenziare sulle loro vite, più difficile è accettare le opinioni di quest’ultime su questioni che ci stanno particolarmente a cuore.

Significato

"La critica è facile e l'arte è difficile" ci ricorda che è molto più semplice giudicare quando non si ha idea delle capacità che ci vogliono per portare a termine qualcosa, ma è decisamente molto più complicato avere tali abilità per produrre un'opera d'arte.

Origine

Il proverbio "La critica è facile e l'arte è difficilerisale al XVII secolo: si ritrova per la prima volta in "Le Glorieux", opera di Philippe Néricault Destouches, commediografo francese vissuto tra il 1680 e il 1754. L'espressione è stata ripresa anche dal filosofo, enciclopedista, scrittore e critico d'arte francese Denis Diderot nel suo "Discours sur la poésie dramatique".

Varianti

  • Francia: La critique est aisée, et l'art est difficile.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963