Ragazzi e polli non sono mai satolli: origine Fonte foto: 123RF
Proverbi

Ragazzi e polli non sono mai satolli

Facebook Twitter

Il proverbio “ragazzi e polli non sono mai satolli” è un detto che trova le sue origini nel dialetto lombardo e significa che i bambini, come i polli, non sono mai sazi e sono perennemente alla ricerca di cibo.

La spiegazione del proverbio

Il proverbio “ragazzi e polli non sono mai satolli” ha origini lombarde, infatti nel dialetto lo troviamo pronunciato “écc e pòi, j è mai sàdòi”, ma esistono anche altre diverse forme di questa massima. Una formula può essere: fanciulli, poveri e polli non sono mai satolli. Un’altra declinazione viene dall’ambiente cristiano religioso e recita: “cani, preti e polli non sono mai satolli” o anche “preti, frati, monache e polli non sono mai satolli”.

L’origine del proverbio è comunque di stampo anticlericale e sottolinea, ironicamente, che così come i polli hanno l’abitudine di beccare continuamente il cibo, così i preti e i frati questuanti sono continuamente a chiedere offerte alla gente per le opere di Chiesa. “Ragazzi e polli non sono mai satolli” è anche citato all’interno del lavoro di Giancarlo Vannuccini “Proverbi italiani”, una raccolta di proverbi toscani che in un capitolo cita anche massime di altre città italiane.

Altri proverbi simili

Quando parliamo di ipocrisia del settore clericale, al proverbio “ragazzi e polli non sono mai satolli” viene da associare “né da frati né da monache non t’aspettar mai niente”, una critica chiara verso gli uomini e le donne di fede che spesso sono accusati di ipocrisia e di falsa benevolenza. Sempre in tema religioso, c’è il proverbio “Dio non fa mai chiesa, che il diavolo non ci pianti la sua cappella”, un detto che metaforicamente indica che per ogni casa in cui vivono buone persone, al suo fianco ci sarà una casa in cui le persone non saranno affatto buone.

La pazienza e l’ironia portano anche al detto “la pazienza la portano i frati”, un modo di dire che indica che ai preti spesso viene associata la virtù della pazienza. Non è ironico, al contrario ha più un significato quasi letterario, il proverbio “bocca unta non disse mai male”, che indica che chi mangia bene riserverà parole lusinghiere verso chi ha cucinato. Un significato più metaforico, indica che chi viene trattato bene, non dirà mai male dei suoi benefattori.

Significato

Il significato del proverbio “Ragazzi e polli non sono mai satolli” è molto semplice: i polli e i bambini condividono infatti la medesima fame. Per quanto mangino, alla fine non sono mai sazi, e continueranno a cercare del cibo. Nel caso del pollo, lo vedremo beccare la terra nel cortile; il bambino invece chiederà ai genitori o tenterà di trovare qualche dolcetto in giro per casa.

Origine

L’origine del proverbio “Ragazzi e polli non sono mai satolli” è lombarda, infatti è conosciuto in dialetto come “écc e pòi è mai sàdòi”. Enormemente diffuso, troviamo tante varianti famose, soprattutto di stampo religioso. Uno dei più famosi è indubbiamente “Fanciulli, poveri e polli non sono mai satolli”, così come “Cani, preti e polli non sono mai satolli”. Il proverbio è anche presente nel libro “Proverbi Italiani” di Giancarlo Vannuccini.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963