Video

Perché le navi della Marina hanno un motto?

Ti sei mai chiesto perché ogni nave della Marina abbia non solo un nome, ma anche un motto?

Facebook Twitter

Ti sei mai chiesto perché ogni nave della Marina abbia non solo un nome, ma anche un motto?

Una nave, è vero, è un importante mezzo di trasporto che collega i continenti attraverso le acque, e in antichità soprattutto rappresentava l’unico mezzo di trasporto per raggiungere alcune destinazioni lontane e importanti. Tuttavia, per il marinaio che la governa, la nave non sarà mai solo e soltanto un semplice mezzo di trasporto. Nel rapporto tra marinaio e nave c’è un qualcosa di speciale, un legame indissolubile come una vecchia amicizia.

Un simbolo d’appartenenza

Sì, una nave è una nave, ma con il tempo, le esperienze e le storie di vita, per chi ci vive sopra per tanti mesi questa "semplice" nave diviene qualcosa di più. Il mare e l’oceano possono essere imprevedibili e insidiosi, ma una nave ben governata può rivelarsi talvolta l’unico appiglio di sicurezza in un elemento che, per natura umana, non è del tutto nostro. Ecco che la nave passa da semplice strumento di locomozione a un autentico membro dell’equipaggio, quasi, con la sua personalità, i suoi capricci e la sua storia vissuta.

Dunque, perché le navi della Marina Militare hanno un motto? In tempi lontani, in Italia, nacque l’esigenza e la volontà di accompagnare il nome della nave con una frase. La frase doveva essere breve, addirittura lapidaria, poetica e spesso in latino. La frase, il motto, spesso proveniva da opere classiche, come quelle di Cicerone, Dante, d’Annunzio o dagli eroi risorgimentali. Ciò, era perfettamente in linea con le tradizioni italiane, dove ogni casata sfoggiava frasi criptiche e misteriose dai significati molteplici. Insomma, non solo uno stemma e un motto araldico per le casate e le città. Anche le navi meritavano un simile trattamento, un messaggio edificante e ispirante che caratterizzasse queste dimore sull’acqua capaci di fare la differenza e cambiare il mondo.

Era il comandante a scegliere il motto della sua nave, così da inviare un messaggio edificante al suo equipaggio, che a quel punto sarebbe stato pronto a seguirlo in capo al mondo. La consuetudine dei motti piacque talmente tanto che cominciò a diffondersi a macchia d’olio, divenendo perfino una regola. Negli anni ’30, ogni unità da guerra navale italiana aveva il suo motto. E non mancano esempi internazionali di marine straniere che usano il sistema dei motti per le loro imbarcazioni.

I motti delle navi italiane

Prendiamo alcuni esempi di motti delle navi della marina italiana, così da farvi capire in cosa essi consistessero:

  • Torpediniera Solferino: "Osare"
  • Sommergibile Sirena, "E gurgite dominans" (Dai gorghi emergo dominante)
  • Sommergibile Salpa, "Sub aquis latens prodigia ausurum" (nascosto sotto le onde, ma pronto a imprese prodigiose). Curiosità: nel ’41 è stato affondato.
  • Sommergibile Delfino "Subsum sed superis", (sto sotto, ma offendo chi sta sopra)
  • Ariete torpediniere Puglia "Morte sfidando morte dissemino"
  • Cacciatorpediniere Tigre "Unguibus et facibus" (con gli artigli e con i denti)
  • Cacciatorpediniere Ostro "Allo sbaraglio"
  • Sommergibile Bragadin "Fino all’estremo"
  • Nave Orsa "Fortitudine Fortior"

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963