Scritta centrata “Si scrive inquanto o in quanto? Scopri come si scrive...” su foglio giallo chiaro con clips in alto a sinistra su sfondo azzurro chiaro
Come Si Scrive

Si scrive inquanto o in quanto?

Facebook Twitter

La grafia corretta è in quanto, con due parole staccate. La forma univerbata, inquanto, è sbagliata.

La Treccani la definisce infatti una locuzione polirematica, ossia un gruppo di parole con significato unitario non ricavabile dall’accezione dei singoli componenti: è sufficiente ricordarsi questo per evitare di usare la forma attaccata.

In quanto è utilizzato in vari modi e assume significati diversi a seconda del contesto in cui appare: serve da locuzione congiuntiva con valore causale – nelle forme colloquiali sentiamo anche l’espressione in quanto che – quando è sinonimo di poiché, perché, visto che, dato che, giacché, dacché, per il fatto che, dal momento che; oppure seguito da una ain quanto a – diventa una locuzione preposizionale con l’accezione di relativamente a o in merito a, oppure con valore limitativo in frasi in cui è sinonimo di in fatto di e a livello di.

Per fissare meglio il concetto possiamo visualizzare il termine in alcuni esempi.

Esempio 1: Non guido in quanto non ho la patente (locuzione congiuntiva con valore causale)

Esempio 2: MI sono confidata con lui in quanto che è una persona affidabile (locuzione congiuntiva con valore causale, ma solo in espressioni colloquiali)

Esempio 3: In quanto a me puoi stare tranquillo: so cavarmela da solo (locuzione preposizionale con significato relativamente a)

Esempio 4: Il sito web è completo in quanto a contenuti (locuzione preposizionale con significato in merito a)

Esempio 5: La rivista lascia a desiderare in quanto alla grafica (locuzione preposizionale con valore limitativo con significato in fatto di, a livello di)

Dopo la nostra spiegazione dovrebbe essere chiaro che la forma corretta è quella staccata, che prevede due termini distinti. È però lecita l’incertezza; tra i dubbi più frequenti relativi alla grafia italiana compaiono spesso dubbi sulla necessità o meno di univerbazione.

I casi sono numerosi: abbiamo ad esempio per tanto o pertanto, tal volta o talvolta, non di meno o nondimeno, al meno o almeno, percui o per cui, mal grado o malgrado, qual cosa o qualcosa, sotto sopra o sottosopra, tal ora o talora, tutta via o tuttavia, in cinta o incinta, aldilà o al di là, dopo domani o dopodomani, in oltre o inoltre, in sieme o insieme e in vano o invano, solo per citarne alcuni.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963