Verifica se è corretto:

Più modi di dire: Strano

eccentrico (agg.), bizzarro (agg.), strampalato (agg.), diverso (agg.), stravagante (agg.), strambo (agg.), astruso (agg.), bislacco (agg.), nuovo (agg.), originale (agg.), curioso (agg.), particolare (agg.)...

Leggi tutto >>

La parola di oggi è: dinoccolato


Aggettivo
dinoccolato m (singolare maschile: dinoccolato, plurale maschile: dinoccolati, singolare femminile: dinoccolata, plurale femminile: dinoccolate)
che ha movimenti sciolti ma poco coordinati passo dinoccolato
Voce verbale
dinoccolato
participio passato maschile singolare di dinoccolare
...

Leggi tutto >>

tratto dalla voce DINOCCOLATO del Wikizionario

La citazione del giorno

«La fede si può definire un'illogica fiducia nel verificarsi dell'improbabile.»

Henry Louis Mencken

Il Santo di oggi

a cura di Edizioni Paoline

S. Zita

Patrona delle cuoche, guardarobiere e domestiche

E' un'umile domestica, figlia di poveri contadini di Monsagrati, un paese poco lontano da Lucca, dove nasce nel 1218. A soli dodici anni viene mandata a servizio presso la ricca famiglia dei Fatinelli a Lucca. Accetta con animo sereno la propria condizione sociale, consapevole che ogni servizio reso agli altri è meritevole agli occhi di Dio. La ricca famiglia ha in casa una numerosa servitù e sovente Zita supplisce col suo lavoro le manchevolezze dei compagni, che ricambiano i favori deridendola. Zita non mostra mai rancore per nessuno. Risparmia per dare ai poveri. Un giorno il padrone, vedendola uscire di casa con il grembiule rigonfio, la rincorre e le chiede : 'Che hai lì dentro?'. Zita risponde: 'Fiori e fronde'. Lascia il grembiule e ai suoi piedi cade una pioggia di fiori. Muore nella casa dei Fatinelli, nel 1272, dopo soli cinque giorni di malattia. Pio XII la proclama patrona delle domestiche, delle cuoche e delle guardarobiere.

Altri santi: S. Liberale, B. Elisabetta Vendramini, S. Antimo

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti