Il Santo del giorno 06 Ottobre

a cura di Edizioni Paoline

S. Bruno il Certosino

Fonda l'ordine dei Certosini

Nato a Colonia intorno al 1030, nel 1057, dopo aver studiato a Reims ed essere stato ordinato sacerdote nella sua città natale, diviene direttore della scuola della cattedrale di Reims. Vi insegna per oltre vent'anni. Dopo forti delusioni, si trasferisce a Grenoble e con sei compagni dà vita alla Grande Certosa. Muore il 6 ottobre 1101. Quando si trasferisce a Grenoble, il vescovo della città, Ugo, suo ex allievo, gli fa dono di una terra impervia, nella parte settentrionale della sua diocesi, detta Cartusia. E' la località natale dell'ordine certosino, che ospita monaci i quali, oltre ai voti tipici degli altri ordini, hanno anche quello del silenzio e della solitudine perpetui. Debbono dedicare gran parte del giorno alla preghiera; inoltre una volta alla settimana è previsto il digiuno quasi completo. Nel 1089 il Papa Urbano II chiama Bruno a Roma, perchè sia suo consigliere, ma dopo due anni gli permette di ripartire e Bruno va in Calabria dove fonda la seconda delle sue certose: S. Maria dell'Eremo, nell'impervio bosco di La Torre.

Altri santi: Sant'Alberta, S. Magno, S. Renato, S. Fede di Agen

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti

Più modi di dire: Freddo

gelato (agg.), gelido (agg.), ghiacciato (agg.), invernale (agg.), polare (agg.), glaciale (agg.), artico (agg.), senza vita (agg.), rigido (agg.), inerte (agg.), esanime (agg.), crudo (agg.)...

Leggi tutto >>

La citazione del giorno

«Si usa uno specchio di vetro per guardare il viso; e si usano le opere d'arte per guardare la propria anima. »

George Bernard Shaw