Il Santo del giorno 15 Ottobre

a cura di Edizioni Paoline

S. Teresa D'Avila, carmelitana

Dottore della Chiesa

Nasce ad Avila nel 1515, da nobile famiglia. A quattordici anni rimane orfana di madre; verso i diciassette scopre la vocazione religiosa e a ventisei anni entra nel monastero carmelitano dell'Encarnación de Avila. E' fondatrice di nuovi carmeli e, contrariamente alla numerosa comunità dell'Encarnación, ella pensa a comunità religiose con un ridotto numero di persone, nella radicale povertà del vangelo, che si guadagnano il pane con il lavoro delle loro mani e soprattutto oranti. Muore il 4 ottobre 1582. Donna coraggiosa e intraprendente, per il buon governo e il rinnovamento spirituale del convento propone come direttore spirituale Giovanni della Croce. Teresa è maestra e, nello stesso tempo, discepola di fra Giovanni. Le fondazioni, con il loro seguito di peripezie e gesta eroiche, sono solo l'aspetto esteriore della fiamma che incendia la sua vita. La molla interiore e la forza che la muovono sono dentro di lei, nel castello della sua anima. Questa avventura interiore, molto più silenziosa del suo faticoso pellegrinare, ci viene raccontata da Teresa stessa in diversi suoi scritti. L'avvenimento di una profonda esperienza mistica, puramente spirituale, cambia la sua vita. Lì nasce la sua missione di scrittrice, fondatrice, guida di un movimento spirituale, polo di attrazione di amici e collaboratori. E' la prima donna ad essere proclamata ufficialmente 'dottore della Chiesa'; titolo che le viene conferito da Paolo VI nel 1970.

Altri santi: S. Ruggero, S. Leonardo, S. Sofia

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti

Più modi di dire: Maestro

insegnante (s.m.), insegnante elementare (s.m.), docente (s.m.), istitutore (s.m.), precettore (s.m.), pedagogo (s.m.), istruttore (s.m.), artista (s.m.), esperto (s.m.), insegnante di musica (s.m.), musicista (s.m.), compositore (s.m.)...

Leggi tutto >>

La citazione del giorno

«Ora che il vecchio leone è morto, ogni asino pensa di potergli dare dei calci.»

Samuel Parr