Il Santo del giorno 25 Gennaio

a cura di Edizioni Paoline

Conversione di S. Paolo

Compie la prima inculturazione del Vangelo

Paolo nasce presumibilmente tra il 5 e il 10 dopo Cristo a Tarso, da genitori fabbricanti e venditori di tende, che hanno acquisito la cittadinanza romana. Motivo per cui ha il doppio nome: Saulo per gli ebrei e Paolo per i greci e i romani. Conosce bene la cultura greca e ne impara la lingua, ma rimane sempre fedele alle tradizioni dei padri. Da giovane è inviato a Gerusalemme dove completa la sua formazione 'ai piedi di Gamaliele', il maestro più famoso e più saggio del tempo del mondo ebraico. A Gerusalemme viene in contatto con i cristiani, ritenuti una setta pericolosa all'interno del giudaismo, da estirpare con ogni mezzo. Ancora giovane assiste alla morte di Stefano, mentre svolge il suo compito di custodire i mantelli dei lapidatori; quando raggiunge l'età adulta, ottiene l'autorizzazione a scovare e perseguitare i cristiani. Diviene il loro terrore. E' diretto a Damasco per la stessa causa quando 'all'improvviso avvolto da una luce dal cielo' cade a terra e ode: 'Saulo, Saulo, perchè mi perseguiti?' La grazia di Dio fa breccia nel suo cuore e Saulo diviene il più instancabile missionario. Compie quattro lunghi viaggi e fonda numerose Chiese alle quali indirizza le sue lettere. Con la sua predicazione e i suoi scritti opera la prima e più grande inculturazione del Vangelo nella storia.

Altri santi: Sant' Anania, B. Teresa Grillo Michel

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti

Più modi di dire: Coraggioso

valoroso (agg.), audace (agg.), ardito (agg.), ardimentoso (agg.), temerario (agg.), eroico (agg.), spericolato (agg.), forte (agg.), deciso (agg.), fermo (agg.), risoluto (agg.), sfacciato (agg.)...

Leggi tutto >>

La citazione del giorno

«La giustizia o l'ingiustizia della causa che accetta di perorare non riguardano l'avvocato, a meno che il suo cliente non gli chieda la sua opinione al riguardo, nel qual caso egli è obbligato a darla onestamente. La giustizia o l'ingiustizia della causa devono essere decise dal giudice.»

Samuel Johnson