Il Santo del giorno 27 Gennaio

a cura di Edizioni Paoline

S. Enrico de Ossó y Cervelló, sacerdote

Fonda la Compagnia di S. Teresa di Gesù

Nasce a Vinebre (diocesi di Tortosa, provincia di Tarragona) il 16 ottobre 1840. Studia nei seminari di Tortosa e di Barcellona e riceve l'ordinazione sacerdotale il 21 settembre 1867. E' catechista. E' predicatore e apostolo della preghiera. Scrive molto e usa la stampa per gettare solide fondamenta alla fede e per sostenere i valori del Vangelo nella società del suo tempo. Fonda varie associazioni di apostolato. Educatore e pedagogo nato, ha la fortuna di incontrarsi fin da giovane con gli scritti di S. Teresa di Gesù, di cui fa conoscere lo spirito e la dottrina. A 35 anni fonda la Compagnia di S. Teresa di Gesù, una Congregazione religiosa femminile con l'intento di ri-cristianizzare la società facendo leva sull'educazione della donna e dei bambini. Muore improvvisamente nel convento francescano di Sancti Spiritus, a Gilet (Valencia) il 27 gennaio 1896. Giovanni Paolo II lo dichiara santo, a Madrid, il 16 giugno 1993.

Altri santi: S. Angela Merici, S. Vitaliano, S. Giuliano da Sora, S. Domiziano di Melitene

Il Santo di ieri | Il Santo di domani
Indietro Avanti

Più modi di dire: Pazzo

matto (agg. e s.m.), folle (agg. e s.m.), squilibrato (agg. e s.m.), demente (agg. e s.m.), mentecatto (agg. e s.m.), scemo (agg. e s.m.), maniaco (agg. e s.m.), psicopatico (agg. e s.m.), paranoico (agg. e s.m.), schizofrenico (agg. e s.m.), alienato (agg. e s.m.), strano (agg. e s.m.)...

Leggi tutto >>

La citazione del giorno

«Chi fa la storia non ha tempo per scriverla.»

Klemens Wenzel Lothar Metternich-Winneburg